Pages




INVESTIRE NELLE NUDE PROPRIETA'


Pochi sanno che esistono investimenti immobiliari che consentono di acquistare appartamenti scontati anche del 50% tramite le nude proprietà in cui il proprietario mantiene il diritto di abitabilità fino alla sua morte, un'opportunità da non sottovalutare quella della nuda proprietà, un grande affare ma attenzione, bisogna saper aspettare.

La nuda proprietà a mio parere è uno dei metodi di investimento più interessanti del settore immobiliare in quanto si possono acquistare case lussuose a prezzo stracciato e allo stesso tempo è un grande vantaggio per il venditore che avrà subito in mano i soldi della vendita della sua casa che sarà ceduta solo dopo la sua morte, in pratica, il proprietario vende l'appartamento ma conserva il diritto di abitarlo vita natural durante.

In questo specifico settore immobiliare troviamo poche agenzie italiane specializzate, tra cui Tecno Casa che vanta una lista di più di 400 nude proprietà presenti in Veneto, Piemonte, Liguria e Abruzzo.

E importante sapere che ai fini fiscali esiste una tabella che individua in ogni fascia di età il valore della nuda proprietà e dell'usufrutto, per rendere l'idea, una casa di un 40 enne la si può acquistare al 20% del valore dell'immobile, invece quella di un 90enne è stimata al 90% del valore.

Per concludere la nuda proprietà è un investimento che conviene all'acquirente che non ha l'esigenza di occupare l'immobile subito e magari lo acquista per i figli, e conviene per per i venditori, sopratutto ad anziani in difficoltà economica che decidono di vendere la propria casa e allo stesso tempo continuare ad abitarci avendo una liquidità immediata grazie vendita immobiliare.

Per diventare esperti negli investimenti di nude proprietà consiglio di scaricare subito la guida INVESTIRE IN NUDE PROPRIETA'

1 Comment:

  1. Anonimo said...
    Questo testo mi ha aiutato a capire le opportunità derivanti dall’investimento in nuda proprietà. Ho appena comprato la mia prima nuda proprietà con www.casanuda.it. Un ringraziamento quindi a Mario Manzo!

Post a Comment